In caricamento

La LONGEVITA’ delle donne

La LONGEVITA’ delle donne

dame-man-hopper_shutterstock_77180692-1200x741.jpg

“Le donne vivono più a lungo degli uomini”  è un’affermazione comprovata da numerosi studi scientifici, realizzati in qualificate università e prestigiosi centri di ricerca del mondo.  Le donne sono destinate ad avere una vita più lunga, così riferisce uno studio pubblicato quest’anno sulla rivista scientifica Lancet   a cui ha collaborato anche l’Imperial College di Londra.  Nel 2030 le sudcoreane supereranno i 90 anni, saranno i primi esseri umani al mondo ad avere raggiunto un’aspettativa di vita media così elevata. Una neonata sud-coreana del 2030 potrà aspettarsi di vivere 90 anni e otto mesi, rispetto agli 84 anni e due mesi di una sua connazionale, venuta al mondo nel 2010. Ciò significa che, per quanto riguarda la Corea del Sud, nello spazio di una generazione, circa due decenni, l’aspettativa di vita media crescerà di sei anni. Il fenomeno, sottolinea il rapporto Lancet, è analogo ovunque, con un incremento medio dell’esistenza umana da 3 a 5 anni e, grazie alla medicina moderna, la durata della vita umana è cresciuta più nell’ultimo secolo che in milioni di anni.

In campo femminile, dopo le sud-coreane, nel 2030 i Paesi più longevi saranno nell’ordine: la Francia (88,5 anni), il Giappone (88,41), la Spagna (88,07), la Svizzera (87,70), l’Australia (87,57), il Portogallo (87,52), la Slovenia (87,42), l’Italia (87,28) e il Canada (87,09). Tra gli uomini, la classifica dell’aspettativa di longevità vede in testa di nuovo la Corea del Sud (84,07 anni), seguita da Australia (84), Svizzera (83,95), Canada (83,89), Olanda (83,69), Nuova Zelanda (83,59), Spagna (83,47), Irlanda (83,22), Norvegia (83,16) e Italia (82,82).  Il Bel Paese è dunque tra le prime dieci nazioni con la più alta aspettativa di vita, sia tra le donne sia fra gli uomini. Secondo lo studio di Lancet, i Paesi che si trovano ai primi posti nella graduatoria si distinguono per avere una buona istruzione ed una efficiente sanità pubblica, un regime alimentare salutare ed uno stile di vita non sedentario. Gli autori della ricerca pongono in evidenza il fatto che è importante per una nazione avere validi programmi educativi e sportivi che inducano i giovani a praticare attività fisica. Gli ‘investimenti’ fatti all’inizio della vita risultano decisivi nella parte conclusiva dell’esistenza.

La longevità delle donne

Su  PNAS si legge : non è ancora stato colmato il divario tra la longevità degli uomini e quella delle donne. Il gentil sesso vive più a lungo, sia che si tratti di esseri umani, sia che si faccia riferimento ad altri primati quali: lemuri, scimmie cappuccini, scimmie murichi, babbuini, scimpanzé e gorilla, seguiti e studiati per un periodo compreso fra tre e cinque decadi. L’aspettativa di vita per le donne, molto superiore rispetto a quella per gli uomini, è un fenomeno demografico emerso per la prima volta tra le persone nate alla fine dell’ottocento. Uno studio della David School of Gerontology della University of Soutern California  ha analizzato la questione in maniera sistematica, evidenziando come nell’individuo di sesso maschile la maggiore predisposizione allo sviluppo di malattie cardiache rappresenti il principale fattore responsabile della minore longevità rispetto al sesso femminile. Gli scienziati, analizzando 1763 persone nate tra il 1800 e il 1935 in 13 Paesi sviluppati, hanno osservato che, in quell’intervallo di tempo, si è verificato un crollo dei tassi di mortalità. Il gruppo di ricerca ha scoperto che nei soggetti nati dopo il 1880, i tassi di decesso nel sesso femminile erano diminuiti più rapidamente del 70% rispetto a quelli relativi al sesso maschile. In base ai dati raccolti a partire dal 1890, i ricercatori hanno evidenziato che le patologie legate al consumo di tabacco hanno contribuito per il 30% alla differenza tra la mortalità maschile e quella femminile. Le patologie cardiovascolari hanno un diverso impatto sulla mortalità nell’ uomo rispetto alla donna, in particolare durante la mezza età e l’inizio dell’età anziana. Alcuni motivi che hanno portato ad un minor numero di decessi sono stati la prevenzione delle malattie infettive, il miglioramento delle diete e, in generale, le migliori condizioni di vita. Secondo il parere degli scienziati, le donne sono riuscite a sfruttare questi benefici in modo più efficiente e veloce rispetto agli uomini.

SIGG

VISITE

  • 27534Totale letture:
  • 22539Totale visitatori:
  • 0Utenti online:

© 2018. All rights reserved.